La Scena Scomparsa

Un progetto per far riscoprire e valorizzare la storia teatrale della città della Spezia al maggior numero possibile di cittadini, per una memoria attiva e presente che metta in relazione le antiche vestigia con il contesto odierno, attraverso la creazione di una mappa/drammaturgia itinerante e con contenuti storici, coinvolgendo studenti e pubblico più giovanile, alla ricerca delle radici storiche della nostra contemporaneità

Il progetto è ideato e realizzato da Associazione Culturale Scarti con il contributo di Fondazione Carispezia e in partnership con Kraken Teatro, ITG e Liceo Artistico Cardarelli La Spezia, Associazione Casarsa Teatro, Associazione Musicalamente, ASD A Testa in giù, Associazione Farfalle in cammino, Associazione tuquoque.

Il progetto prevede la realizzazione di una mappa virtuale e poi di un percorso urbano all’interno della città della Spezia che farà tappa in alcuni luoghi dove un tempo sorgevano sale teatrali, oggi abbandonate o con una diversa destinazione d’uso.
La Spezia fin dal XVIII secolo, nel corso della sua storia ha potuto contare infatti su ben 36 sale tra cinema e teatri. L’obiettivo è quello di riscoprire e valorizzare la storia teatrale cittadina, per una memoria attiva che metta in relazione le antiche vestigia con il contesto contemporaneo, attraverso la creazione di una mappa grafica e con contenuti storici.
Sarà creato un percorso per il pubblico che preveda per ogni tappa la realizzazione di una performance teatrale strettamente connessa al luogo dove un tempo sorgeva la sala teatrale.
Ogni performance sarà curata e realizzata da una compagnia/artista con la supervisione artistica dei responsabili del progetto. Ogni compagnia partecipante avrà la possibilità di realizzare il proprio intervento a seguito di un laboratorio di formazione con artisti esterni, che ogni gruppo/compagnia individuerà rispetto al proprio intervento artistico.
Il percorso del pubblico sarà curato assieme a Carlo Infante, responsabile di “Urban Experience”: un progetto culturale nazionale per giocare le città attraverso le pratiche creative del performing media: una condizione abilitante perché la creatività sociale delle reti possa reinventare spazio pubblico tra web e territorio.
Le mappe info-grafiche online del percorso saranno realizzate grazie alla collaborazione con il Liceo Artistico e con l’Istituto Tecnico Geometri V. Cardarelli. 

Annunci